LE DEE DEI FIORI E DELLA LUNA

GLI ARCHETIPI LUNARI NELLA MITOLOGIA E NEI FIORI DI BACH

Riconnetterci con le forze lunari significa riscoprire ed apprezzare la dea Luna che alberga dentro di noi, il mondo femminile nei suoi più profondi ed autentici aspetti.

Forse nessuna stella, o nessun altro corpo celeste ha tanto attratto lo sguardo degli uomini sull’immenso scenario del cielo notturno quanto la Luna. Il suo crescere e decrescere, la sua periodica scomparsa e il suo tornare nel cielo, la sua luce indefinibile, la sua influenza misteriosa sulle acque, sulla vegetazione, sulle nascite, sulla salute, hanno offerto spunti per l’elaborazione di miti, simbologie, leggende e suggestioni presso tutti i popoli e tutte le culture.L’osservazione della Luna, al di là dei modelli di pensiero che cambiano in continuazione, non potrà mai essere separata da un senso armonioso, poetico, magico che ci fa sentire piccoli in un Universo infinitamente grande e misterioso, e forse il suo fascino, unito alla sua forza e bellezza, sta proprio qui.

Ma come accostarsi a lei, come trattarla, quali parole usare per descriverla? Specchio implacabile onesto e sincero della nostra miseria e nobiltà, è il testimone taciturno delle nostre discese negli abissi e delle nostre risalite in cielo, una volta su, una volta giù, una volta vuota e una volta piena.Dal punto di vista mitologico, gli antichi ritenevano che la Luna sorgesse dai flutti dell'Oceano e percorresse la volta celeste sul suo carro tirato da cavalli bianchi, e a seconda della fase lunare che rappresentava, incarnava figure femminili differenti.Essa rappresenta perfettamente il ciclo vitale di una donna nei suoi aspetti di giovane/fanciulla, madre/adulta e saggia/anziana. Il ritmo lunare è simbolizzato dai Greci da tre dee corrispondenti ai tre momenti cruciali: Luna crescente con Artemide, cacciatrice energica di prede, Luna piena con Selene o Demetra, placida e materna, ed infine Luna calante e novilunio con Ecate, la Signora degli incantesimi legata alle arti magiche e al regno delle ombre.

 Le fasi lunari nel mondo vegetale influenzano direttamente il movimento della linfa nelle piante, in noi umani hanno effetto sulle mucose del corpo, sulla pressione arteriosa, sulla memoria, sul ciclo  femminile, il cui ritmo di 28 giorni è analogo a quello lunare.La Luna plasma i nostri corpi e il nostro spirito, con la stessa naturalezza con cui  influenza le creature vegetali lunari, quelle che portano la sua segnatura, come Water Violet, Crab apple, Cherry Plum e molte altre ancora. Depositaria di antiche conoscenze, vittima di un arcaico pregiudizio, nella società moderna, è considerata alla stregua di un dimenticato personaggio da film muto, ma  comprendere i misteri della Luna significa comprendere il grande mistero della vita e della morte: essa è come la vita che spunta dall’oscurità, cresce, fiorisce, declina e scompare di nuovo nel buio.